Recensione: "MAYBE NOT"

mercoledì, dicembre 07, 2016

Ciao ragazzi!

Come vi ho raccontato in qualche post fa, mi sono auto-regalata il kindle paperwhite, con lo scopo principale di poter leggere libri ancora inediti in Italia ed esercitarmi così con l'inglese.

E ora eccomi qui a recensirvi questo libro: MAYBE NOT di COLLEEN HOOVER




TITOLO: MAYBE NOT


AUTRICE: COLLEEN HOOVER
CASA EDITRICE: SIMON & SCHUSTER
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PREZZO: € 9.22     PREZZO E-BOOK: € 3.24
GENERE: Romanzo
TRAMA: (traduzione della trama trovata su amazon.it)

Quando Warren ha la possibilità di avere come coinquilino una ragazza, accetta immediatamente. Questa proposta potrebbe portare un cambiamento eccitante nella sua vita o forse no.

Sopratutto quando hai come coinquilina una fredda ed calcolatrice, almeno apparentemente, di nome Bridgette. La tensione è alta e la temperatura si alza inevitabilmente quando i due si ritrovano nella stessa stanza. 

Warren ha una teoria su Bridgette: chiunque abbia la capacità di odiare con così tanta passione è sicuramente in grado anche di amare con così tanta intensità; e lui vuole essere la persona che testerà questa teoria.

Riuscirà Bridgette a trovare in se stessa il modo di aprire il suo cuore a Warren e imparare ad amare?

Forse

O forse no.

"Why does she has to be so damn mean? 
Mean girls are my weakness, and I think I just now figured that out."


RECENSIONE:

Navigando tra i vari blog ho letto molte recensioni positive riguardanti Colleen Hoover, e quando ho visto uno dei suoi libri in formato e-book a soli € 3.00 circa non ho resistito.
Presa dall'entusiasmo, però, non mi sono accorta che c'era un prequel, intitolato "Forse un giorno". Tranquille è già nella mia libreria virtuale, perché ormai in cartaceo è diventato introvabile!

"MAYBE NOT"  è una novella di poche pagine, ancora inedite in Italia, che racconta la storia di due dei personaggi secondari del primo libro: Warren e Bridgette.
Dopo averla letta, non posso che confermare gli ottimi pareri che ho letto sul web riguardo a questa scrittrice. Nonostante la brevità della storia, Colleen è riuscita a connettermi con i protagonisti sin dalle prime righe e nonostante io non abbia ancora letto il primo libro, sono riuscita comunque a godermi appieno la storia.


"She is the best worst thing that's ever happened to me."


La storia viene raccontata dal punto di vista di Warren, che all'apparenza sembra il classico ragazzo superficiale, irriverente, che non riesce a prendere la vita sul serio; ma in realtà, proseguendo con la lettura, capiamo che c'è molto di più. Warren ha un forte senso della famiglia, uno splendido rapporto con la sorella maggiore, considera gli amici come una parte fondamentale della sua vita e non li tradirebbe mai.
La caratteristica che mi è piaciuta di più del suo personaggio è il suo non fermarsi all'apparenza, di andare al di là di questa: infatti, non giudica Bridgette solo per il suo aspetto fisico o per il suo brutto carattere ma cerca di conoscerla per quello che realmente è.


"I press my lips to hers with such delicacy; I want her to feel everything she's ever deserved to feel at the hands of someone else. She deserves to feel beautiful. She deserves to feel important. She deserves to feel cared for. She deserves to feel respected. She deserves to feel like there's at least one other person in this world who accepts her for exactly who she is."


Brutto carattere, quando si parla di Bridgette è quasi un complimento, perché inizialmente l'ho trovata proprio odiosa, ha un modo di fare arrogante, è scontrosa, ti spinge a chiederti: " ma Warren sa quello che fa??"
Poi, però, capiamo che questo suo modo di porsi è solo una corazza, un muro che lei ha innalzato a causa del suo passato.
Bridgette non è in grado di recepire l'amore, perché non l'ha mai provato, non ha mai avuto una famiglia che la sostenesse ed amici validi che la supportassero. 
Chissà se, nonostante il suo passato riuscirà a ricominciare e si aprirà all'amore..con l'aiuto giusto sarà possibile!


"I always see the glass half empty, and if you think telling me you love me will make me nicer and less exhausting, you're wrong. You can't change me.
Everyone wants to change me, but I am who I am, and if you think me telling you I love you, too, will make me shit out unicorns and rainbows, you're wrong.
I hate unicorns and rainbows."


La scrittrice ha un modo facile e chiaro di scrittura che permette a noi che leggiamo in lingua originale di scorrere tranquillamente tra le pagine, come se stessimo leggendo in italiano. La Hoover mi ha permesso di entrare dentro la novella, sono riuscita a percepire la frustrazione di Warren quando cercava di capire Bridgette e lei per difesa innalzava un muro tra loro, perché pensava di non essere abbastanza; ma mi sono anche divertita grazie ai loro continui battibecchi.

Non mi resta che dirvi, se siete alla ricerca di un libro semplice, fresco e non troppo impegnativo, questa novella aspetta voi!!


VOTO: 💛💛💛💛/5

Un bacio!



You Might Also Like

0 commenti

Reading Challenge

Reading Challenge

La Ruota delle Letture

La Ruota delle Letture