Recensione: "THE DANISH GIRL"

giovedì, gennaio 12, 2017

Buongiorno Cari Lettori!

Oggi vi voglio raccontare di questo libro che racconta una storia vera da cui è stato tratto anche un bellissimo film!
Raramente mi succede, ma devo proprio dire che mi è piaciuto molto di più il film del libro, soprattutto grazie alla straordinaria interpretazione di Eddie Redmayne e Alicia Vikander.



TITOLO: THE DANISH GIRL

AUTRICE: DAVID EBERSHOFF
CASA EDITRICE: GIUNTI 
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2016
PREZZO: €18.00            E-BOOK: €9.99
GENERE: ROMANZO ROSA
PAGINE: 352 p.

TRAMA:

Che cosa succede quando vedi la persona che ami cambiare radicalmente sotto i tuoi occhi?
Tutto nasce da un semplice favore che una moglie chiede a suo marito durante una giornata qualsiasi. Siamo a Copenaghen, inizi Novecento: entrambi stanno dipingendo nel loro atelier, lui realizza paesaggi velati dalla nebbia del Nord; lei ritrae su enormi tele i ricchi committenti della borghesia cittadina. Proprio per completare uno di questi lavori, il ritratto di una nota cantante d'opera, Greta domanda al marito di posare in abiti femminili. Da principio Einar è riluttante, ma presto viene completamente sedotto dal morbido contatto della stoffa sulla sua pelle. Via via che si abbandona a questa esperienza, il giovane entra in un universo sconosciuto, provando un piacere che nè lui nè Greta avrebbero mai potuto sospettare. 
Quel giorno Einar ha un'autentica rivelazione: scopre infatti che la sua anima è divisa in due e forse lo è stata sempre: da una parte l'artista malinconico e innamorato di sua moglie, dall'altra Lili, una donna mossa da una prepotente bisogno di vivere... Ispirandosi alla storia vera di Lili Elbe, una pioniera nel mondo trangender, Ebershoff ha scrittuo un romanzo estremamente delicato e commovente su una delle storie d'amore più appassionante del Novecento.


RECENSIONE: 

Questo libro è stato scritto nel 2000 ma è tornato alla ribalta nel 2015 grazie all'uscita dell'omonimo film, che racconta la vera storia del 1° transgender della storia (scusate per il gioco di parole ☺): LILI ELBE. E' stata la prima persona al mondo a sottoporsi a un intervento di asportazione dei genitali maschili e della conseguente ricostruzione di quelli femminili.

Ci troviamo nel 1925 a Copenaghen, dove due giovani coniugi Greta ed Einar vivono felici ed innamorati. Sono due artisti: lui un famoso pittore che ritrae paesaggi che gli ricordano il suo passato, mentre Greta è una ritrattista di poca fama, che cerca di farsi conoscere in società.
Marito e moglie sono molto diversi caratterialmente e fisicamente, lui così esile mentre lei molto più alta e robusta; che il destino ha scelto di farli incontrare per uno scopo finale ben preciso.
Einar, fin da giovane, è molto impacciato, timido e di poche parole; da fargli da contrapposto c'è Greta, una donna molto forte, particolare ed anticonformista, in grado di lasciare il lettore spiazzato per le sue scelte coraggiose. Sarà lei a fare il primo passo per costruire la loro relazione, quando ancora era una semplice studentessa d'arte si invaghirà di questo esile e riservato pittore.





Un giorno, Greta incapace di continuare il ritratto della sua amica Anna, chiede a Einar di aiutarla, posando per lei: facendogli indossare le calze, scarpe e il vestito della donna. Tutto appare come un gioco, soprattutto per Greta, ma in Einar suscita desideri repressi e ricordi del suo passato. 
Da un semplice tocco al vestito, nacque Lili. Einar, dalle esperienze vissute come Lili, si renderà sempre più conto di essersi riconosciuto nel sesso opposto e non riuscirà più a vestire i panni maschili, indossando sempre più quelli di Lili; andando a discapito del suo matrimonio.

Il matrimonio tra Greta e Einar cambierà drasticamente; da donna perspicace qual è Greta accetterà anche se con un pò di difficoltà di vivere 2 vite parallele: moglie di Einar e nell'altra essere amica di Lili, traendone anche un vantaggio: con i ritratti di Lili diventerà una famosa pittrice.




Greta non smetterà mai di amare il marito in entrambe le "versioni", il suo è un amore incondizionato, capace di comprendere la sua sensazione di non appartenenza in un corpo non suo.
Ho ammirato moltissimo la capacità di questa donna di mettersi in secondo piano, di scegliere di sacrificarsi per soddisfare la richiesta e il bisogno di Einar di diventare donna. Con un pò di difficoltà accetta la ricerca di Lili di un nuovo amore, si preoccupa per le continue emorragie di Einar/Lili e lo esorta ad andare da vari medici per trovarne la causa; e sarà proprio lei a trovare il medico che darà il via al cambiamento.

La vera protagonista di tutta questa storia è lei, Greta, perchè capace, con molta dignità e devozione, a rinunciare alla sua felicità per quella di lui. Io non ne sarei mai stata in grado, soprattutto nel continuare a vivere sotto lo stesso tetto assistendo impotente al cambiamento; certo avrei accettato la scelta perchè capisco la difficoltà e impossibilità di vivere in un corpo che non senti tuo, ma avremmo preso due strade diverse fino a quando il cambiamento non diventasse definitivo.





Al tempo stesso ho trovato Einar molto egoista, capace di vedere solo se stesso ed incapace di riconoscere la sofferenza della moglie nel stargli accanto in certi momenti.
Lo scrittore con il suo modo di scrivere è riuscito ad esprimere la totale gratitudine di Lili nei confronti di Greta anche se non molto esplicita, perchè ammettiamolo senza di lei non sarebbe mai diventata Lili.

Purtroppo, soprattutto nella parte centrale, il libro l'ho trovato lento e ripetitivo a causa dei troppi dettagli descritti; al contrario il film l'ho trovato meraviglioso e coinciso, soprattutto grazie alla fantastica interpretazione di Eddie Redmayne e Alicia Vikander. Sono stati in grado di trattare questa inconsueta e meravigliosa storia d'amore in modo delicato e perfetto.




Come è normale che sia, libro e film presentano delle differenze; nel film ho trovato Einar meno impacciato e più disinibito nel suo rapporto con Greta. L'ho trovato più combattuto durante la sua trasformazione, invece nel libro, è più deciso e lo si nota anche in una Lili più libera e vogliosa di scoprire la vita in questa nuova versione di sè.
Eddie Redmayne doveva vincere l'Oscar per questa incredibile interpretazione, ha reso Lili molto realistica.

Greta/Gerda (nome utilizzato nel film), interpretata dalla magnifica Alicia (vincitrice dell'Oscar come attrice non protagonista), appare come nel libro, una donna forte, innamorata e fedele al marito fino in fondo. Mi è dispiaciuto che non ci fossero dei flashback in cui veniva raccontato del suo triste e difficile passato.




Nel film, non si nota il trascorre del tempo, la storia si sviluppa nell'arco di 5-6 anni, ma questo non è un problema perchè non tralascia nulla al caso. Anche se, mi è dispiaciuto non vedere il personaggio di Carlise, fratello di Greta, che nel libro ha un ruolo importante come supporter nelle scelte di Greta ed Einar. Nel film, questo aspetto è dato da Hans, amico d'infanzia di Einar.

Ascoltate tutte le critiche positive al riguardo del film, perchè ha incontrato appieno tutte le mie aspettative; è riuscito a farmi emozionare e piangere soprattutto nel finale.

Non mi resta che dirvi: guardate questo meraviglioso film, che racconta in modo naturale il conflitto e la sofferenza del pittore e se volete una visione più completa, leggete il libro e lasciatevi incantare dall'appassionante storia di LIli e Greta, due donne eccezionali nella loro diversità.

VOTO: ❤❤❤/5 per il libro, ❤❤❤❤❤/5 per il film.

Link amazon

A presto!

You Might Also Like

0 commenti

Reading Challenge

Reading Challenge

La Ruota delle Letture

La Ruota delle Letture