Recensione: "WONDER"

domenica, gennaio 01, 2017

Buon Anno Cari Lettori!!

Come avete passato il Capodanno? Il mio con un bel principio di influenza, quindi non ho festeggiato al massimo, meglio così, perchè posso postarvi la prima recensione dell'anno =)
Ho scelto di recensire un libro che con la sua semplicità è riuscito a farmi commuovere.


TITOLO: WONDER
AUTRICE: R. J. PALACIO
CASA EDITRICE: GIUNTI
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2013
PREZZO: €10.20            E-BOOK: €6.99
GENERE: LIBRI PER BAMBINI E RAGAZZI / NARRATIVA
PAGINE: 322 p.

TRAMA:

E' la storia di Auggie, nato con una tremenda deformazione facciale, che, dopo anni passati protetto dalla sua famiglia per la prima volta affronta il mondo della scuola. Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi si siederà di fianco a lui nella mensa? Chi lo guarderà dritto negli occhi? E chi lo scruterà di nascosto facendo battute? Chi farà di tutto per non essere seduto vicino a lui? Chi sarà suo amico? Un protagonista sfortunato ma tenace, una famiglia meravigliosa, degli amici veri aiuteranno August durante l'anno scolastico che finirà in modo trionfante per lui. Il racconto di un bambino che trova il suo ruolo nel mondo. 
Il libro è diviso in otto parti, ciascuna raccontata da un personaggio e introdotta da una canzone (o da una citazione) che gli fa da sfondo e da colonna sonora, creando una polifonia di suoni, sentimenti ed emozioni.
Età di lettura: da 13 anni.

"Ognuno dovrebbe ricevere una standing ovation almeno una volta nella vita, perchè tutti 'vinciamo il mondo'."

RECENSIONE: 

La storia di Auggie è una favola moderna, delicata e piena di speranza che va letta almeno una volta nella vita, perché va dritta al cuore e ti fa vedere le cose sotto una diversa prospettiva. Quando avrò un bambino e sarà abbastanza grande per capire, sarà una delle prime letture che gli farò leggere, perchè con termini molto semplici spiega temi difficili, così radicati nella realtà di oggi.

La scrittrice è riuscita a trattare un tema delicatissimo come la disabilità o meglio l'essere diversi, in modo facile senza nascondere le difficoltà che la vita ci pone davanti. 
Ha utilizzato dei dialoghi semplici per raccontare la vita di August, bimbo nato con una grave deformazione al viso, che a causa delle frequenti visite mediche non ha mai potuto frequentare una scuola; ha sempre studiato a casa con l'aiuto di sua mamma. 

I suoi genitori, sua sorella, il loro cane Daisy e pochi amici rappresentano tutto il suo mondo, perciò quando, assieme ai suoi genitori, decide di frequentare una vera scuola non sa esattamente cosa aspettarsi.
Già di per sè è un'esperienza difficile per tutti i bambini o ragazzi ambientarsi in una scuola nuova, a maggior ragione se si è affetti da una deformazione facciale e tutti gli occhi sono puntati su di te. Se ripenso alla mia esperienza alle medie, nemmeno io ho un bel ricordo, perchè era un continuo altalenarsi di momenti belli a momenti brutti.
Inizialmente, tutti lo prendono in giro e lo evitano, non vogliono toccarlo per paura di prendersi la "peste", ma piano piano le cose cambiano grazie al sostegno della sua famiglia e di pochi amici, soprattutto della sua forza e ironia, perchè, diciamolo, in fin dei conti Auggie è come tutti: un bambino normale.

August, come dicevo, può contare sull'appoggio della sua famiglia: Via, sua sorella di quattro anni più grande che lo ama follemente, che chiede di essere conosciuta per chi è e non perchè "sorella di". 
Soprattutto, colpiscono e fanno riflettere la forza di sua madre e suo padre, che hanno imparato a soprassedere alla cattiveria e all'insensibilità degli adulti, regalando a Auggie una vita piena di amore e risate.

Mi ha colpito molto leggere l'episodio in cui l'autrice racconta un episodio che l'ha coinvolta in prima persona, quando ha incontrato un bambino affetto dalla stessa sindrome di Auggie e ha trascinato via i suoi figli per evitare che dicessero qualcosa di inopportuno. Questa scena viene raccontata nel libro ed è stato molto interessante vederla sotto due diversi punti di vista: da quello della madre di un bimbo comune e la madre di un bimbo come Auggie.

A scuola, può contare sul sostegno di Summer e Jack, due ragazzini che per motivi diversi diventano suoi amici. 
Summer, inizialmente si avvicina ad Auggie solo perchè gli fa un pò pena vederlo pranzare tutto solo, ma appena ha l'opportunità di trascorrere qualche tempo con lui scopre essere un ragazzino divertente, auto-ironico, dolce e buono e si scorda completamente della sua deformità. 
Jack, invece, si avvicina a lui perchè spinto dal Preside della scuola, preoccupato che August possa sentirsi solo e isolato. Jack è un tipo sveglio, un duro a cui piace però trascorre il suo tempo con Auggie, ma allo stesso tempo si sente frenato e si vergogna di questo rapporto, almeno all'inizio, perché ha paura dei giudizi degli altri compagni, troppo presi a dare molta importanza alle apparenze.

A quest'età i ragazzini sanno essere davvero crudeli, e il più crudele è Julian, che ci riesce davvero bene comportandosi in modo tale da far isolare i due amici dal resto del gruppo. 
Però non mi sento di incolparlo totalmente, perchè è solo un ragazzino, che è stato cresciuto con degli insegnamenti sbagliati; la madre, con la sua ottusità, gli ha sempre detto che soltanto il più forte vince sempre e che si può cacciare chi non si vuole senza dargli una possibilità.

Nonostante ciò, Auggie è riuscito a superare tutti gli ostacoli, insegnandoci a non arrenderci mai, affrontando la cattiveria gratuita, con positività e gentilezza. 
Inoltre, con questo semplice modo di scrivere, l'autrice sottolinea come la diversità non sia un limite e come può essere facile comportarsi in modo gentile con gli altri ottenendo in cambio altra gentilezza e rispetto.

Vi lascio con le parole toccanti e così vere tratte dal discorso del Preside Kiap: 

"la grandezza non risiede nell'essere forti, ma nel giusto uso che si fa della forza. 
E' il più grande colui la cui forza trascina il maggior numero di cuori grazie al richiamo del proprio."

Ora non vi resta che scoprire anche voi la bellezza di August Pullman!

VOTO: ❤❤❤❤❤/5






                                          

You Might Also Like

2 commenti

Reading Challenge

Reading Challenge

La Ruota delle Letture

La Ruota delle Letture