Recensione: "QUANDO HITLER RUBO' IL CONIGLIO ROSA"

martedì, marzo 07, 2017

Buongiorno Lettori!

Rieccomi con una nuova recensione:






TITOLO: QUANDO HITLER RUBO' IL CONIGLIO ROSA

AUTRICE: JUDITH KERR
CASA EDITRICE: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2009
PRIMA PUBBLICAZIONE DELL'OPERA: 1971
PREZZO: € 9.00                           E-BOOK: 
GENERE: NARRATIVA STORICA
PAGINE: 260 p.


TRAMA:
Si può essere felici lontano da casa? Anna e la sua famiglia, braccate dai nazisti, hanno dovuto lasciare Berlino e cambiare città più volte. Adattarsi non è facile. Ma la cosa più importante è restare insieme. 
Età di lettura: da 10 anni.


RECENSIONE:

Questo libro è basato sulla vita dell'autrice, che prendendo spunto dai suoi ricordi d'infanzia, ci racconta la storia di un viaggio o meglio la storia di Anna e della sua famiglia.

E' una lettura perfetta per i ragazzi che si addentrano per la prima volta nelle tematiche della Seconda Guerra Mondiale, perché racconta con uno stile semplice e scorrevole la storia di una famiglia ebrea, come esempio di un'intera comunità costretta a fuggire dal proprio paese per scampare dai nazisti prima che salgano al potere dopo che avranno vinto le elezioni.

Anna è una bambina di 9 anni che vive con la sua famiglia in Germania; la sua vita scorre felice fino a quando ci ritroviamo a 10 giorni dalle elezioni e suo padre, noto scrittore antinazista, non riesce a pubblicare più nulla perché il suo pensiero è troppo di parte e capisce che l'unica cosa da fare per poter sopravvivere è scappare.
Così inizia il viaggio della famiglia di Anna alla ricerca di un luogo sicuro dove il padre possa pubblicare liberamente le sue opere e poter guadagnare. A Berlino erano una famiglia benestante ma con l'arrivo dei nazisti che hanno sequestrano tutti i loro averi, si ritrovano a dover fare i conti solo con le poche cose che si sono portati dietro.

La prima tappa è la Svizzera, ma a causa della sua neutralità, il padre di Anna non riesce a trovare un giornale che possa pubblicare i suoi articoli e così dopo un anno di fatica, la famiglia decide di trasferirsi in Francia, precisamente a Parigi.
Qui hanno un pò più di fortuna, sono più aperti al pensiero antinazista ma a causa della crisi economica non girano molti soldi e questa famiglia si ritrova a vivere in continua difficoltà. 

La ruota girerà dopo qualche tempo, quando uno sceneggiatore deciderà di scritturare un'opera del padre di Anna per realizzarne un film e tutta la famiglia si ritroverà a dover affrontare un nuovo viaggio verso una nuova meta: Londra.

La scrittrice racconta in modo semplice come la vita degli ebrei scampati dai nazisti, durante quegli anni, sia una vita da profughi, costretti a scappare continuamente per sfuggire a tutta quella follia causata da un megalomane come Hitler.

Nonostante tutti noi conosciamo molto bene gli eventi di quel periodo, qui abbiamo una nuova visione attraverso gli occhi di una bambina, che con la sua ingenuità si chiede come possa un uomo decidere per un intero popolo e costringere persone come lei e la sua famiglia a dover scappare per poter sopravvivere. Ma da tutto ciò, ne ricava pensieri positivi:  affronta le scelte dei suoi genitori con gioia e vede in questi viaggi ottime opportunità per conoscere e vedere paesi a lei sconosciuti, imparare nuove lingue e conoscere nuovi amici. E può fare tutto ciò con le persone che ama di più al mondo: la sua famiglia.

E' una storia che ci vuol far riflettere sull'importanza della famiglia, perchè uniti si ha la forza di poter affrontare anche i problemi più grossi e su come non si debba mollare mai anche nei momenti peggiori che la vita ci porta ad affrontare.

VOTO: ❤❤❤,5/5

Link Amazon





You Might Also Like

0 commenti

Reading Challenge

Reading Challenge

La Ruota delle Letture

La Ruota delle Letture